guanciale

…Lazio…

Immagine

Un primo piatto che adoro e che mi ricorda le mie origini è: la pasta all’amatriciana!!!

Cosa ci serve: (porzioni per 4 persone)

– 350 gr. di bucatini

-400 gr di pomodori perini maturi

– 180 gr. di guanciale in un’unica fetta

– 1 cipolla

– 1 peperoncino fresco

– olio extravergine d’oliva, sale

Procedimento:

Sbollentate i pomodori, pelateli e privateli dei semi, infine tagliateli a filetti

Tagliate il guanciale a cubetti, mettetelo in un tegame con poco olio e fatelo rosolare per bene, quindi sgocciolatelo dal grasso della cottura, che però dovrete tenere nel tegame.

Nel fondo di cottura fate imbiondire la cipolla tritata finemente ed il peperoncino, aperto a metà e privato dei semi, aggiungete i pomodori, salate e lasciate bollire per 15 minuti circa a fuoco medio. Nel frattempo in una pentola fate bollire l’acqua, salatela, e fate cuocere i bucatini al dente.

Eliminate il peperoncino dal sugo, unite il guanciale e fate insaporire. Conditeli con il sugo ben caldo e completate con un’abbondante spolverata di pecorino grattugiato…

Chi vince la sfida??? le panadas o l’amatriciana???

Immagine

La pasta alla gricia…

La pasta è un primo piatto che spesso viene sottovalutato o considerato troppo pesante.

Ma nelle giuste proporzioni e con un ottimo condimento è in assoluto uno dei cibi dell’anima…

Stasera mi sono messa ai fornelli ed ho preparato la pasta alla gricia.

Ingredienti

– pecorino q.b. non utilizzate parmigiano, non esalta il sapore

– guanciale 100 gr per due persone (  consiglio: non utilizzate la pancetta, perché la pasta avrebbe un altro sapore)

– pepe nero

– sale

–  bucatini o rigatoni ( comunque la pasta corta, io utilizzo quella di Gragnano, la trovo migliore)

Procedimento:

Fate rosolare il guanciale a fuoco lento e in una padella antiaderente

Aggiungete al guanciale poco pepe, nel frattempo mettete a bollire l’acqua in una pentola. Salate l’acqua solo quando la stessa inizia a bollire, buttate la pasta e attendete la cottura ( meglio che la pasta sia al “dente”)

Quando la pasta è pronta, scolatela e aggiungeteci il guanciale, infine condite a piacimento con pecorino e altro pepe.

P.s. il segreto me lo ha svelato uno chef,  NON aggiungete mai l’olio al guanciale in cottura  in quanto il guanciale stesso rilascia un po di grasso, con l’aggiunta dell’olio si otterrebbe un condimento troppo pesante…”untuoso”…

 

Immagine